Impianti di videosorveglianza

Videosorveglianza

Lotta al crimine I prodotti di Blu Elettrico srl sono uno degli strumenti più efficaci per combattere il crimine. Oltre a essere utili per rilevare gravi minacce, le telecamere installate fungono da deterrente contro attacchi personali, furti e atti vandalici. Servizi di emergenza Nelle situazioni di emergenza le forze di polizia e i servizi di emergenza utilizzano spesso il video registrato dalle telecamere installate in un’area specifica per identificare esattamente l’area in cui si è verificata l’emergenza e trovare la soluzione più idonea per fornire l’assistenza richiesta. I prodotti di Videosorveglianza.it migliorano significativamente la possibilità di gestire più efficacemente le situazioni di crisi. Ingressi e uscite L’installazione di telecamere agli ingressi e alle uscite degli edifici pubblici consente di controllare le persone che entrano ed escono dall’edificio 24 ore al giorno. Le riprese video possono essere usate sia come deterrente che come prove durante i processi. Le riprese possono inoltre utilizzate per ricavare dati statistici sul numero di persone che utilizzano infrastrutture pubbliche come musei, biblioteche e job center. Esterni di edifici L’installazione di telecamere all’esterno degli edifici consente di prevenire gli atti vandalici e di garantire una migliore protezione ai residenti al momento dell’ingresso o dell’uscita dall’edificio. Proteggi il tuo negozio/punto vendita con un KIT professionale e dal costo contenuto. Il KIT completo pronto all’installazione per negozi e punti vendita in genere (Difficoltà d’ installazione quasi nulla). ——————————————————————————– Soluzioni per la protezione dei negozi Esiste un sistema di videosorveglianza moderno, innovativo che consenta di: – Migliorare la redditività dei punti vendita? – Ridurre significativamente le perdite? – Proteggere più efficacemente il personale? – Migliorare la qualità dei servizi forniti ai clienti? Soluzioni consolidate studiate per risolvere i problemi dei rivenditori I sistemi di Blu Elettrico srl sono già stati installati in numerosi punti vendita. Grazie alla vasta esperienza e al know-how consolidato nell’ambito della tecnologia video, siamo in grado di aiutare i clienti a raggiungere qualunque obiettivo, anche quello più ambizioso. Un ampio ventaglio di vantaggi L’implementazione della tecnologia video di rete ha consentito ai rivenditori di ottenere vantaggi significativi, tra cui: • Incremento dei profitti. La tecnologia video per la videosorveglianza consente di migliorare la pianificazione del personale, il layout dei punti vendita e la promozione di prodotti, oltre a essere un valido strumento per prevenire i furti. • Ritorni sugli investimenti più immediati. La possibilità di ridurre il numero di furti, il tempo impiegato nelle indagini di eventi sospetti, il numero delle richieste di indennizzo, e al tempo stesso di poter ottimizzare le attività di vendita e il personale permettono di ottenere uno straordinario ritorno sugli investimenti. • Espandibilità. Le soluzioni video di rete di Blu Elettrico srl sono basate su standard aperti, quindi assicurano massima flessibilità e possono essere installate in qualunque tipo di ambiente. Inoltre, essendo completamente scalabili, consentono agli utenti di sfruttare tutte le tecnologie e funzionalità più innovative. DALLA FINANZIARIA 2008-2010 AGEVOLAZIONI PER LA VIDEOSORVEGLIANZA FONDI PER LA SICUREZZA DELLE IMPRESE (Estratto Circolare n° 37/E dell’Agenzia delle entrate). La legge Finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244), in vigore dal 1° gennaio scorso, all’art. 1, commi 228-237, dispone, in favore delle piccole e medie imprese commerciali e di somministrazione di alimenti e bevande, nonché delle rivendite di generi di monopolio, misure di sicurezza contro la criminalità, consistenti nella concessione di un credito d’imposta per il triennio 2008-2010. Le modalità di attuazione sono appena state fissate con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze: è possibile consegnare l’istanza a partire dal 28 Aprile 2008. TABELLA RIASSUNTIVA CREDITO IMPOSTA PER MISURE DI SICUREZZA, COMPRESA L’INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DI VIDEOSORVEGLIANZA RICHIEDENTE A: B: SOGGETTI AMMESSI Esercenti attività di rivendita di generi di monopolio, operanti in base a concessione amministrativa Piccole e medie imprese commerciali di vendita al dettaglio e all’ingrosso e di somministrazione di alimenti e bevande LIMITI MAX 3.000 € per ciascun beneficiario (2008, 2009, 2010); 1.000 € per ogni anno MAX 3.000 € per ciascun beneficiario (2008, 2009, 2010) TIPOLOGIA DI SPESA 80% dell’imponibile indicato in fattura di: 1. Interventi riguardanti impianti e attrezzature di sicurezza, compresa l’installazione di apparecchi di videosorveglianza 2. Strumenti di pagamento con moneta elettronica 3. Entrambe le anzidette tipologie TEMPISTICHE PRESENTAZIONE DOMANDE 2008 Dalle ore 10:00 del 28 Aprile 2008 2009 Dalle ore 10:00 del 02 Febbraio 2009 2010 Dalle ore 10:00 del 02 Febbraio 2010 DATI NECESSARI Il numero e la data del documento comprovante la spesa; in caso di locazione finanziaria, indicare gli estremi del relativo contratto – la partita IVA del fornitore del bene o servizio, ovvero il codice fiscale qualora il fornitore sia privo di partita IVA – l’importo del prezzo d’acquisto del bene o servizio al netto dell’IVA detraibile nei limiti previsti dal D.P.R. n. 633 del 1972; in caso di locazione finanziaria, indicare il costo dei beni sostenuto dal concedente – il luogo di esercizio dell’attività ove sono stati effettuati gli interventi di acquisizione ed installazione di impianti di sicurezza e/o strumenti di pagamento con moneta elettronica – il comune (senza alcuna abbreviazione), la sigla della provincia, il codice di avviamento postale, il codice catastale del comune, la tipologia, l’indirizzo, il numero civico e la frazione MODALITA’ DI PRESENTAZIONE L’istanza per l’ammissione al credito d’imposta deve essere presentata all’Agenzia delle entrate esclusivamente in via telematica, utilizzando il modello reperibile in formato elettronico sul sito internet www.agenziaentrate.it.gov La trasmissione dei dati contenuti nell’istanza può essere effettuata: – direttamente, da parte dei soggetti abilitati dall’Agenzia delle Entrate; – tramite una società del gruppo, qualora il richiedente appartenga ad un gruppo societario. Si considerano appartenenti al gruppo l’ente o la società controllante e le società controllate. Si considerano controllate le società per azioni, in accomandita per azioni e a responsabilità limitata le cui azioni o quote sono possedute dall’ente o società controllante o tramite altra società controllata da questo per una percentuale superiore al 50 per cento del capitale; – tramite i soggetti incaricati di cui all’articolo 3, comma 3, del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322, e successive modificazioni (professionisti, associazioni di categoria, CAF, altri soggetti). ARTICOLO COMPLETO 228. Per l’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi, compresa l’installazione di apparecchi di videosorveglianza, per ciascuno dei periodi d’imposta 2008, 2009 e 2010, e` concesso un credito d’imposta, determinato nella misura dell’80 per cento del costo sostenuto e, comunque, fino ad un importo massimo di 3.000 euro per ciascun beneficiario, in favore delle piccole e medie imprese commerciali di vendita al dettaglio e all’ingrosso e quelle di somministrazione di alimenti e bevande. 229. Il credito d’imposta di cui al comma 228, non cumulabile con altre agevolazioni, deve essere indicato, a pena di decadenza, nella relativa dichiarazione dei redditi. Esso puo` essere fatto valere in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni, non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi, ne´ del valore della produzione netta ai fini dell’imposta sulle attivita` produttive, e non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni. Il credito d’imposta di cui al comma 228, non cumulabile con altre agevolazioni, deve essere indicato, a pena di decadenza, nella relativa dichiarazione dei redditi. Esso puo` essere fatto valere in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni, non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi, ne´ del valore della produzione netta ai fini dell’imposta sulle attivita` produttive, e non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni. 230. La fruizione del credito d’imposta di cui al comma 228 spetta nel limite complessivo di 10 milioni di euro per ciascun anno, secondo l’ordine cronologico di invio delle relative istanze. La fruizione del credito d’imposta di cui al comma 228 spetta nel limite complessivo di 10 milioni di euro per ciascun anno, secondo l’ordine cronologico di invio delle relative istanze. 231. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono fissate le modalita di attuazione dei commi da 228 a 230. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono fissate le modalita di attuazione dei commi da 228 a 230. 232. L’agevolazione di cui ai commi da 228 a 230, fermo restando il limite di cui al comma 228, può essere fruita esclusivamente nel rispetto dell’applicazione della regola de minimis di cui al regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione, del 15 dicembre 2006, relativo all’applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato istituitivo della Comunita` europea agli aiuti d’importanza minore. L’agevolazione di cui ai commi da 228 a 230, fermo restando il limite di cui al comma 228, può essere fruita esclusivamente nel rispetto dell’applicazione della regola de minimis di cui al regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione, del 15 dicembre 2006, relativo all’applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato istituitivo della Comunita` europea agli aiuti d’importanza minore.